La vicenda arriva da Ruffano, dove una ragazzina di 14 anni, di origini marocchine ma nata in Italia, è entrata in coma due giorni dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer.

Quello che fa rabbrividire sono i medici che escludono il nesso di causalità e parlano di una grave forma di meninginte, ma i familiari non si arrendono e sono decisi a sporgere una denuncia.

“Non può essere meningite, perché mia figlia aveva anche fatto il vaccino per prevenirla – incalza il padre della piccola – prima della seconda dose di Pfizer stava bene, il giorno dopo si è gonfiato un occhio, quello successivo è subentrato anche il mal di testa e l’ho dovuta portare a Tricase: le hanno fatto due tac, poi la situazione è precipitata e ora è in fin di vita a Bari”.

Queste le parole del padre. Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco e le istituzioni sanitarie regionale che hanno ribadito che la quattordicenne è stata colpita da una meningite e che escludono correlazioni col vaccino ricevuto.

Considerando che la meningite può funzioanre come con il covid, si trasmette da persona a persona per via respiratoria, attraverso le goccioline di saliva e le secrezioni nasali, che possono essere disperse con la tosse, con gli starnuti o mentre si parla.

Il padre giustamente non arretra di un passo: “Mi affiderò ad un avvocato per presentare una denuncia: voglio capire perché mia figlia non tornerà più a casa”.

Claudio Greggio direttore dell’Associazione Diritti del Malato commenta: “questa è l’ennesima storia dei danni da vaccino, dove puntualmente non sorge correlazione, questo per il modulo del consenso informato che viene firmato prima della vaccinazione e che rende forti i sanitari, la gente è stanca, vuole la verità, questo esecutivo non è in grado di governare, sta portando l’Italia ad una forma di dittatura sanitaria, venduto alla bug pharma, si dimetta e si vada alle urne”.

No responses yet

Lascia un commento

Commenti recenti
    Categorie
    Disclaimer

    Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di notizie da noi considerate attendibili o relative a fatti che coinvolgono il  nostro lavoro ed i nostri operatori. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Micu3000, il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Diritti del Malato e della Micu3000 Associazione Consumatori e a suo insindacabile giudizio.

    Nomi, marchi e alcuni testi o immagini presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.