Mosheur Rahman, 16 anni e originario del Bangladesh, è morto all’ospedale dell’Angelo di Mestre, in provincia di Venezia, per delle cause ancora da accertare. Aveva iniziato a sentirsi poco bene nei giorni successivi al vaccino. Poi, quando la situazione era peggiorata, si era recato per ben tre volte al pronto soccorso, senza però che, a detta dei famigliari, nessuno prendesse sul serio la situazione.

Era venuto in Italia per raggiungere la famiglia, che vive a Marghera da anni. Una notizia, quella della sua morte, che ha sconvolto le tante persone che lo conoscevano e che ha spinto la comunità bengalese a radunarsi davanti all’Interspar di via Torino.

La famiglia ha assicurato che Mosheur, era un ragazzo sano e non avesse problemi di salute pregressi.

Tre settimane fa aveva fatto il vaccino Moderna e poi ha iniziato a sentirsi male. Non vogliamo dire che c’è un legame tra il vaccino e il decesso ma vogliamo capire che cosa sia successo.

La famiglia non ha ancora ricevuto comunicazioni ufficiali sulle cause e si è mossa per fare chiarezza sull’accaduto. L’Uls 3, alla quale fa capo l’ospedale dell’Angelo di Mestre, ha rilasciato una nota nella quale ha spiegato: “Potrebbe essere stata una patologia che si osserva molto raramente e caratterizzata da alta mortalità. Patologia rispetto alla quale i sanitari dell’ospedale di Mestre si sono prodigati nel tentativo di salvare il paziente”.

Claudio Greggio direttore ADM commenta: ” Il vaccino è giovani è più pericoloso del Covid, si smetta la somministrazione ai giovani, sarebbe ora che il governo si prendesse le proprie resposabilità su queste morti e che i giornali la smettessero con la censura mediatica”.

No responses yet

Lascia un commento

Commenti recenti
    Categorie
    Disclaimer

    Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di notizie da noi considerate attendibili o relative a fatti che coinvolgono il  nostro lavoro ed i nostri operatori. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Micu3000, il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Diritti del Malato e della Micu3000 Associazione Consumatori e a suo insindacabile giudizio.

    Nomi, marchi e alcuni testi o immagini presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.