Una tragedia improvvisa, quella che ha colpito mamma Oxana e papà Lorenzo, i genitori della piccola Giulia Lucenti, la 16enne morta giovedì per cause ancora misteriose nella sua abitazione di Bastiglia in provincia di Modena.

Giulia, si era sottoposta mercoledì alle 17:45 alla seconda dose del vaccino Pfizer. Giulia in passato aveva avuto problemi cardiaci ed era seguita, ma ora stava bene a riferirlo è la madre che proprio ieri, l’ha trovate esanime sul divano di casa.

Giulia stava bene, il suo quadro clinico si era stabilizzato e vogliamo capire cosa ce l’ha strappata“- ha dichiarato la mamma, Oxana Nesterenko, alla Gazzetta di Modena.

Da qui la decisione della famiglia di sporgere querela e di chiedere un’autopsia per accertare cosa sia veramente successo.

I problemi cardiaci di Giulia non avrebbero in nessun modo potuto portare ad un arresto cardiaco, le cause sono da ricercare altrove, certo la morte avvenuta il giorno dopo alla somministrazione del vaccino fa molto pensare.

Claudio Greggio direttore dell’Associazione Diritti del Malato commenta: ” La scelta dei genitori di sporgere querela è giusta, si avrà modo di definire con certezza che cosa ha ucciso la piccola Giulia, i problemi cardiaci, non possono certamente essere la causa del decesso, che va cercata altrove, non si parli di arresto cardiaco e venga fata chiarezza senza censure”.

No responses yet

Lascia un commento

Commenti recenti
    Categorie
    Disclaimer

    Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di notizie da noi considerate attendibili o relative a fatti che coinvolgono il  nostro lavoro ed i nostri operatori. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Micu3000, il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Diritti del Malato e della Micu3000 Associazione Consumatori e a suo insindacabile giudizio.

    Nomi, marchi e alcuni testi o immagini presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.