Ha destato profondo dolore e commozione la notizia della morte, della 26enne Letizia Guglielmo, avvenuta ieri 22 agosto 2021, la giovane di Palmi colpita da aneurisma cerebrale.

I problemi per la 26enne sono iniziati circa 10 giorni fa a causa di un malore. Successivamente è stata trasportata d’urgenza all’ospedale di Catanzaro dove è stata operata, poi nella serata di ieri il peggioramento delle condizioni di salute sino alla morte.

Letizia Guglielmo era molto conosciuta ed amata a Palmi. Una giovane con la passione per la pallavolo, tanto da scrivere nel suo profilo istagram “volley is my life”.

Le cause che hanno portato all’aneurisma non sono chiare, l’aneurisma è una dilatazione anomala e permanente della parete arteriosa o venosa, causata da un trauma o da un’alterazione che la indebolisce una conseguente emorragia si manifesta con: cefalea improvviso e lancinante. nausea e vomito. convulsioni e alterazione dello stato di coscienza.

La fascia di età più colpita è quella che va dai 40 ai 60 anni, anche se ciascun individuo giovane o adulto che sia è potenzialmente a rischio.

Ultimamente tra i giovani vaccinati, abbiamo registrato diversi aneurismi la prima fra tutte con il decesso della giovane Camilla Canepa, dove ancora oggi lo stato tende a censurare la verità dei fatti. Claudio Greggio direttore ADM commenta: “non è chiaro come si sia svilupato l’aneurisma che ha ucciso Letizia, spero soltanto non dipenda dal vaccino, ma se così fosse, sarebbe ora che i giornali la finiscano con questa ignobile censura e comincino a dire la verità”.

No responses yet

Lascia un commento

Commenti recenti
    Categorie
    Disclaimer

    Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di notizie da noi considerate attendibili o relative a fatti che coinvolgono il  nostro lavoro ed i nostri operatori. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Micu3000, il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Diritti del Malato e della Micu3000 Associazione Consumatori e a suo insindacabile giudizio.

    Nomi, marchi e alcuni testi o immagini presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.